Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Lo studio Areté/CCPB sulle rese dell’agricoltura biologica nell’area del Mar Nero

Pubblicato il: 10/03/2020

Autore: Alberico Loi - Areté s.r.l. Senior consultant

Lo studio Areté/CCPB sulle rese dell’agricoltura biologica nell’area del Mar Nero

I paesi che si affacciano sul Mar Nero, o che fanno uso dei suoi porti per esportare i propri prodotti agricoli, stanno aumentando la loro importanza sul mercato internazionale dei prodotti biologici. CCPB ha quindi commissionato ad Areté s.r.l. di Bologna, società di consulenza e ricerca nel settore agroalimentare, un’analisi della variabilità delle rese ottenute in agricoltura biologica e convenzionale per una selezione di colture (cereali, oleaginose, legumi, colture da frutto) praticate in Russia, Ucraina, Kazakhstan, Moldova e Turchia.

I principali risultati dell’indagine sono stati presentati da Areté in un evento dedicato, organizzato da CCPB al BIOFACH 2020.

Metodologia dello studio

La penuria di dati statistici ufficiali (o comunque affidabili) sulle rese per ettaro e sulle quantità di prodotto ottenute in agricoltura biologica rende molto impegnativa la conduzione di tali indagini. Areté ha cercato di colmare i vasti vuoti informativi raccogliendo dati da un gran numero di fonti bibliografiche, ed intervistando esperti di agricoltura nei paesi interessati. Lo studio ha esplorato vari aspetti della variabilità delle rese colturali: variabilità da un’annata all’altra, tra diverse aree geografiche di uno stesso paese, e tra colture convenzionali e colture biologiche. La variabilità nel tempo è stata analizzata in un periodo compreso tra la metà degli anni 2000 ed il 2018; quella geografica è stata studiata nei paesi più estesi (Russia, Ucraina, Kazakhstan, Turchia), dove condizioni agronomiche e pedoclimatiche anche molto diverse da regione a regione possono determinare notevoli differenze nelle rese. L’analisi comparativa tra agricoltura biologica e agricoltura convenzionale ha cercato di considerare l’influenza sulle rese della diversa tecnica colturale, dell’efficienza organizzativa e gestionale delle aziende, ecc.

I risultati: le rese del bio possono essere più elevate

Senza scendere nel dettaglio dei risultati per specifiche colture e/o paesi, è importante evidenziare alcune considerazioni generali che derivano dallo studio, in quanto aiutano ad evitare errori di metodo abbastanza frequenti nel confronto tra agricoltura biologica e agricoltura convenzionale. Dallo studio emerge infatti che tale confronto conduce a risultati solidi solo se è riferito alla stessa area geografica (specialmente in paesi molto vasti, dove la variabilità geografica delle rese può essere notevole), se tiene conto delle specificità tecnico-organizzative delle aziende agricole, e più in generale se considera tutti gli aspetti della variabilità. Emerge inoltre che in determinate situazioni e per certe colture le rese dell’agricoltura biologica possono essere più elevate di quelle dell’agricoltura convenzionale. A chiusura del convegno, è stata sottolineata l’importanza di migliorare la disponibilità ed affidabilità dei dati tecnico-economici sull’agricoltura biologica nei vari paesi: per analizzare le rese colturali è specialmente importante disporre di dati affidabili sulle quantità di prodotto ottenute, oltre che sulle superfici coltivate.

SCARICA RELAZIONE DI SINTESI