Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Produzione integrata, sostenibilità anche in ottica economica

Produzione integrata, sostenibilità anche in ottica economica

L’agricoltura integrata è un sistema di produzione agricola che usa tutti i metodi agronomici e di difesa dalle avversità per ridurre al minimo l’uso delle sostanze chimiche di sintesi come i prodotti fitosanitari e i fertilizzanti, e promuovere l’adozione di tecniche eco-compatibili, come abbassare consumi idrici ed energetici, che garantiscono un minor impatto ambientale e una maggiore salute per il consumatore.

Nasce all’incirca un trentennio fa proprio al fine di limitare i danni causati dalle smodate attività umane e minimizzare così l’impatto di un agricoltura che faceva uso eccessivo di input chimici. La crescita e l’evoluzione di questo metodo ha portato di conseguenza ad utilizzo più intelligente e non scriteriato di tali input.

L’agricoltura integrata approccia quindi fermamente l’esigenza di conciliare la tutela ambientale e sanitaria ai fattori economici della produzione. È proprio questa la svolta: unire la produzione in ottica sostenibile alle esigenze economiche delle imprese. Secondo diversi rapporti sulla tematica realizzati in questi anni, le tecniche eco-sostenibili, non solo fanno calare l’uso di input energetici, di acqua ma soprattutto di fitofarmaci e fertilizzanti con benefici sulla salute e l’ambiente, ma anche producono vantaggi in termini economici.

Attualmente i produttori e gli operatori del settore agroalimentare possono certificarsi con la norma UNI 11233:2009 “Sistemi di produzione integrata nelle filiere agroalimentari – Principi generali per la progettazione e l’attuazione nelle filiere vegetali”. In futuro potranno anche optare per il SQNPI (Sistema Qualità Nazionale di Produzione Integrata), che dovrebbe essere attivato a breve e che si identificherà con la creazione di un marchio di qualità nazionale, che certifica l’utilizzo di tali metodi per la produzione di prodotti agricoli e di conseguenza la sicurezza alimentare di tali prodotti.

In quest’ottica CCPB monitora l’evoluzione della normativa e le modifiche per offrire i migliori servizi ai propri clienti. Una maggiore sostenibilità ambientale vedrà l’utilizzo dello strumento della Produzione Integrata anche in un ottica economica e di riduzione dei costi.

GIUSEPPE MAIO, Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto – CCPB