Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Una recente nota del PQAI I del Mipaaf ha chiarito alcuni aspetti sull’import di prodotti biologici dalla Svizzera e fa da buona occasione per un riepilogo generale.

Equivalenza tra Unione Europea e Svizzera
In Svizzera è attualmente in vigore l’“Ordinanza sull’agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente” (numero 910.18 del 22…

L’affermazione travolgente e controversa dell’economia cinese non può non coinvolgere anche il settore dell’agricoltura biologica.

È in quest’ottica che già dal lontano 2009 CCPB srl ha sottoscritto un accordo strategico con l’allora organismo di certificazione cinese accreditato WIT, poi divenuto “GRIT-CERT CO., Ltd.” l’accordo è stato poi rinnovato e ampliato nel 2017. Lo scorso settembre…

Con una decisione (Reg. 1473/2017), dello scorso agosto la Commissione Europea ha soppresso l’organismo di certificazione boliviano Bolicert da quelli presenti designati ai fini dell’equivalenza (lista all’allegato IV del Reg. 1235/2008).

Tuttavia l’Ente di accreditamento IOAS ha recentemente revocato il provvedimento di sospensione, per cui è possibile che la Commissione possa procedere in tempi rapidi…

Come è noto, l’Italia è leader mondiale per l’esportazione di prodotti biologici e tra i diversi Paesi che apprezzano le nostre eccellenze agroalimentari biologiche figura anche il Messico.

Con la Comunicazione protocollo B00.04.02.05.002.3211 del 10/06/2015, l’Autorità Messicana (Ministero dell’agricoltura – SAGARPA e SENASICA) ha stabilito la possibilità di importare senza problemi in…

Lo scorso marzo il Ministero giapponese per l’agricoltura, la pesca e le foreste (MAFF) ha formalizzato una modifica delle norme biologiche JAS per i mangimi e la produzione animale, con entrata in vigore il 26 aprile 2017.

Un aggiornamento che si inserisce all’interno dell’equivalenza “parziale” che la Commissione Europea ha stipulato con il MAFF (ne avevamo parlato…

Lo scorso 14 novembre la “Certification and Accreditation Administration” della Repubblica Popolare Cinese ed il “Ministry for Primary Industries” della Nuova Zelanda hanno siglato uno storico accordo sulla mutua equivalenza dei prodotti biologici.

L’accordo prevede che i prodotti biologici certificati ai sensi della normativa bio neozelandese potranno essere esportati in Cina senza necessità di certificazione anche ai sensi della…

Come noto, l’attività di import di prodotti biologici nella UE si basa oggi su due pilastri operativi: quello dei Paesi terzi le cui norme di produzione e controllo sono riconosciute equivalenti dalla Commissione (Reg. CE 834/2007, art. 33.2); quello degli Organismi di certificazione (e Autorità di controllo) autorizzati dalla Commissione per gli scopi dell’import di prodotti…

Lo scorso aprile è entrato in vigore l’aggiornamento dell’accordo di equivalenza tra Canada e Unione Europea per estendere il campo di applicazione dei prodotti biologici che possono essere commercializzati secondo mutuo riconoscimento.

L’aggiornamento permetterà al vino biologico certificato ai sensi del regolamento europeo o canadese di essere venduto ed etichettato come biologico in entrambi i mercati. Sarà quindi…

In virtù dell’accordo di equivalenza tra USA e Unione Europea, siglato nel 2012, è possibile commercializzare prodotto biologico certificato ai sensi del Reg CE 834/07 in USA.

Equivalenza Unione Europea – USA
Dopo un lungo negoziato infatti, nel febbraio 2012 è stato siglato un accordo di partenariato tra le due sponde dell’atlantico: i due sistemi si riconoscono equivalenti, e quindi…

Lo scorso 9 luglio è stato ufficializzato l’accordo tra Svizzera e Stati Uniti per la mutua equivalenza dei rispettivi standard per i prodotti biologici. Dal 10 luglio 2015, dunque, i due sistemi si riconoscono equivalenti, e quindi i prodotti biologici certificati secondo le norme vigenti in uno dei due paesi possono essere commercializzati liberamente e potranno fregiarsi del logo biologico…