Vinitaly: la filiera vitivinicola fra biologico, sostenibilità ambientale e responsabilità sociale

Vinitaly: la filiera vitivinicola fra biologico, sostenibilità ambientale e responsabilità sociale

All'interno di Vinitaly 2013, CCPB e Certiquality presentano un convegno sulla filiera vitivinicola. Martedì 9 aprile, ore 10, nella Sala Respighi, primo piano del Palaexpo di Verona Fiere. Tema centrale come il metodo biologico, la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale concorrono e lavorano insieme nella produzione del vino.

La sostenibilità è uno dei driver che influenza sempre di più le politiche socio economiche dell’Unione Europea. Dal protocollo di Kyoto in poi, l’UE si é dotata di obiettivi e politiche che tengono in grande considerazione la riduzione degli impatti ambientali e il rafforzamento della sostenibilità.La fi liera vitivinicola è stata tra le prime a individuare misure per la sostenibilità basando le proprie valutazioni coerentemente con l’approccio LCA (Life Cycle Assessment). Da un anno, il regolamento 203/2012 definisce, finalmente, le regole sul vino biologico, analogamente a quanto da oltre vent’anni accade per molti altri prodotti agroalimentari.
Su questo versante è essenziale che l’autorità pubblica, in primis l’UE, faccia chiarezza su strumenti e metodi per giungere a un linguaggio comune, base per riformulare i processi medesimi. Il biologico è il metodo produttivo che più di altri ha cercato di coniugare sostenibilità e biodiversità attraverso la riduzione degli input, la salvaguardia delle risorse naturali e il contenimento degli effetti del cambiamento climatico.

Lino Nori, presidente del Consorzio il Biologico, e Umberto Chiminazzo, direttore di Certiquality, presentano la giornata, moderata da Clementina Palese, giornalista dell'Informatore agrario.

  • Ettore Capri, Centro di ricerca per lo sviluppo sostenibile OPERA  Università Cattolica del Sacro Cuore - Piacenza, presenta una relazione sugli “Uno, cento, mille modelli di sviluppo sostenibile”
  • Giorgio Ragaglini e Simona Bosco, Land Lab. Scuola Superiore di S. Anna - Pisa, illustrano le “Analisi della sostenibilità ambientale della filiera di produzione del vino”
  • Santina Modafferi, Certiquality, descrive il “Certificare la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale: i benefici”
  • Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea, CCPB, parlano del “Certificare il biologico e la sostenibilità: due modelli per uno stesso obiettivo”
  • Stefano Tagliavini, SCAM SpA - Modena, interviene sulla “Sostenibilità e valorizzazione della filiera vitivinicola: il percorso EPD di SCAM”.

Qui sotto sono sfogliabili tutte le relazioni.