Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Le certificazioni ambientali come risposta al cambiamento climatico

Le certificazioni ambientali come risposta al cambiamento climatico

Il 5 giugno di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Istituita da una risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1972. Questa giornata negli ultimi tempi ha assunto un’importanza sempre maggiore per il futuro di tutti noi e delle prossime generazioni e rappresenta la più grande piattaforma globale per la sensibilizzazione di tutti i cittadini del mondo sulle tematiche ambientali.

Il rapporto IPCC

L’emissione di gas serra è notevolmente aumentata negli ultimi anni, provocando l’incremento delle temperature annuali con conseguenze ambientali disastrose: inondazioni, incendi, tempeste, siccità, desertificazione.

Il nostro attuale stile di vita, è responsabile di circa due terzi delle emissioni globali di gas serra, attraverso una produzione e un consumo più sostenibili si riuscirebbe a contrastare il cambiamento climatico, migliorando la qualità dell’aria, dell’acqua e dell’ecosistema, andando così ad impattare positivamente anche sulla salute delle persone. 

L’ultimo rapporto IPCC dedicato agli impatti, le vulnerabilità e gli adattamenti ai cambiamenti climatici, parla di tutto questo. Nel video sotto vedete come il messaggio degli scienziati, anche questa volta, sia chiaro: senza un’azione imminente e globale, sarà impossibile frenare il riscaldamento globale.

Adottando strategie e azioni per stili di vita più sostenibili potremmo ridurre fino al 60% le nostre emissioni entro il 2050 e limitare così l’aumento della temperatura globale. Ma quali strategie e quali azioni? Una strada è quella della certificazione.

Il ruolo della certificazione ambientale

Da tempo CCPB ha colto questo messaggio e ha accettato la sfida offrendo una sempre più ampia gamma di servizi di valutazione e certificazione specifici per le filiere agricole e agroindustriali, molti dei quali basati sulla metodologia LCA – Life cycle Assessment che contribuiscano alla definizione di una strategia di riduzione degli impatti generati e del climate change.

L’obiettivo generale di tali certificazioni è quello di rendere trasparente le performance ambientali relative alla realizzazione dei prodotti agroalimentari e di conseguenza di incoraggiare la domanda e l’offerta di quei prodotti a più basso carico ambientale.

Gli obiettivi del calcolo di tali indicatori mediante LCA, sono quelli di definire un quadro completo degli impatti che la produzione agricola ha sull’ambiente contribuendo a comprendere le conseguenze ambientali causate. Diversi sono i servizi di certificazione che CCPB mette a disposizione basati sull’ approccio LCA