Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Proroga al 15 maggio per la presentazione dei PAP

Proroga al 15 maggio per la presentazione dei PAP

Come ormai di consueto in prossimità della scadenza del 31 Gennaio per la presentazione dei Programmi di Produzione annuali è uscito il Decreto n. 29740 (qui PDF) del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che proroga il termine di presentazione dei programmi annuali di produzione dal 31 gennaio al 15 maggio 2022.

Tipologie di PAP

La proroga è intesa per tutte le tipologie di PAP previste all’art. 2 del D. M. 18321 del 2012:

  • il Programma Annuale delle Produzioni Vegetali, (PAPV) che contiene la descrizione qualitativa e quantitativa delle produzioni vegetali riferite ai singoli appezzamenti/particelle;
  • il Programma Annuale delle Produzioni Zootecniche, (PAPZ) che contiene la descrizione qualitativa e quantitativa delle produzioni animali espresse in numero di capi o lotti di animali vivi o apiari e tipologia di prodotto in unità di numero, peso o capacità;
  • il Programma Annuale delle Produzioni d’Acquacoltura, (PAPA) che contiene la descrizione qualitativa e quantitativa delle produzioni d’acquacoltura contemplate dal Reg. (CE) n. 710/2009;
  • il Programma Annuale delle Preparazioni, (PAP) che contiene la descrizione qualitativa e quantitativa delle produzioni provenienti dalla preparazione come definita all’art. 2, lett. i) del Reg. (CE) n. 834/2007;
  • il Programma Annuale delle Importazioni, (PAI) che contiene la descrizione qualitativa e quantitativa dei prodotti importati da Paesi terzi.

Le informazioni contenute nei Programmi Annuali sono riferite al periodo 1gennaio - 31 dicembre dell’anno in corso.

Resta confermata l’esenzione alla presentazione del PAP per i soggetti che svolgono esclusivamente attività per conto di terzi. 

Quantità prevista

Attenzione però perché il decreto ha introdotto una novità importante  per le aziende di preparazione alimentare per quanto riguarda la presentazione del PAP. L’articolo 1 infatti prevede una modifica sostanziale nella presentazione dei dati relativi ai Programmi Annuali di Produzione delle Preparazioni, il campo “Quantità prevista” incluso nella sezione “DATI IDENTIFICATIVI DELLE PREPARAZIONI da quest’anno dovrà essere obbligatoriamente compilato ed indicare la stima della quantità di “Prodotto” biologico che si prevede di preparare nel periodo di riferimento.

L’aggiornamento delle informazioni sulle previsioni delle quantità di prodotto biologico dovrà essere presentato sul SIB (Sistema Informativo Biologico) o sul sistema regionale di riferimento tutte le volte in cui durante l’anno l’azienda avrà un aumento o diminuzione del 30% delle quantità previste di “Prodotto” biologico nel periodo di riferimento.