Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

La versione 4.0 del sistema di gestione EPD

La versione 4.0 del sistema di gestione EPD

Il prossimo gennaio entrerà in vigore la versione 4.0 del General Program Instructions (GPI), che stabilisce un le nuove regole per il funzionamento e la gestione del Sistema Internazionale EPD, la dichiarazione ambientale di prodotto.

A cosa serve una dichiarazione ambientale di prodotto

Tutelare l'ambiente e la biodiversità, ridurre le emissioni inquinanti, acquisire abitudini a basso impatto ambientale sono priorità a livello mondiale. L’EPD è uno standard che permette di misurare le performance ambientali di un prodotto o processo, al fine di valutare gli impatti ambientali e comunicarli.

Aggiornamento 4.0

L'aggiornamento è stato effettuato in seguito agli sviluppi nella metodologia, nella standardizzazione, nella ricerca e nelle applicazioni EPD, in modo che sia sempre più performante, comprensibile e comunicabile.Alcune delle novità del nuovo GPI sono:

  • Nuove regole per l'aggiunta di più prodotti nella stessa EPD
  • Contenuti e processo di sviluppo delle Product Category Rules (PCR)
  • Ulteriori chiarimenti sull'utilizzo di strumenti pre-verificati
  • Chiarimenti sui requisiti per i singoli verificatori e sul processo di verifica
  • Aggiornamento della metodologia generale LCA

Periodo di transizione

Ovviamente verrà applicato un periodo di transizione che ha la durata di 18 mesi, salvo proroghe, per consentire una transizione graduale alle nuove regole, di seguito alcune importanti precisazioni:

  • La pubblicazione della nuova versione del GPI non pregiudica la validità delle EPD già pubblicate, che rimarranno pubblicate con la stessa data di validità di prima. La sorveglianza delle EPD durante la loro validità si basa sulla stessa versione della PCR e del GPI utilizzata per la verifica dell'attuale EPD valida.
  • Se non esiste una PCR valida basata sulla versione 4.0 del GPI, le EPD, durante il periodo di transizione, possono essere pubblicate e aggiornate sulla base di PCR valide basate su versioni precedenti del GPI durante il periodo di transizione.
  • La versione 4.0 del GPI sarà implementata passo dopo passo nelle PCR esistenti quando devono essere aggiornate o durante la loro validità. 
  • Le PCR attualmente in fase di sviluppo dovrebbero essere allineate con l'ultima versione di GPI
  • Il periodo di transizione durerà almeno 18 mesi e la fine del periodo di transizione sarà annunciata sei mesi prima della fine.