Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Vini vegani: come riconoscerli

Vini vegani: come riconoscerli

Ormai un’affermata realtà all’estero, anche in Italia aumenta la richiesta di vini vegani. Vediamo come possono essere certificati.

Tracce di origine animale nella vinificazione

Diversamente da quanto il consumatore medio possa pensare, la produzione di vino non coinvolge solo uva e lieviti, ma durante le varie fasi della vinificazione, possono essere impiegati diversi coadiuvanti tecnologici anche di origine animale, come le proteine del latte e delle uova, chitina, colla di pesce, gelatina animale e così via.

Per definizione, un coadiuvante tecnologico, alla fine del processo produttivo, è allontanato dal prodotto finito. Ad ogni modo, l’impiego, anche se temporaneo, di qualsiasi sostanza derivata dallo sfruttamento animale è incompatibile con la scelta di vita vegana. Inoltre, la presenza in tracce di questi additivi nel prodotto finito non può sempre essere scongiurata.

Certificazione CCPB

Le produzioni vegane e le dichiarazioni in etichetta ad esse associate, ad oggi, non sono regolate da norme internazionali, comunitarie o nazionali; pertanto, fanno fede i requisiti di veridicità, non ingannevolezza ed oggettività stabilita dalla normativa comunitaria in materia di etichettatura.

A tutela del consumatore vegano, CCPB certifica l’assenza di coadiuvanti, additivi, ingredienti e contaminazioni con sostanze di origine animale, attraverso il Documento Tecnico di Prodotto n°15. Questo documento basa la verifica della conformità su valutazioni documentali preliminari del processo produttivo, audit presso tutti i siti di produzione ed analisi di laboratorio per la ricerca di DNA e proteine animali.

La presenza del logo “PRODOTTO VEGANO” e le dichiarazioni di conformità al DTP15 di CCPB sulle etichette dei vini sono, quindi, garanzia dell’impegno della cantina a produrre vini senza l’uso di qualsiasi sostanza di origine animale e contraddistinguono un prodotto totalmente cruelty free.