Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Enigma dei prodotti idroponici bio tra i mercati dell’USA e UE

Enigma dei prodotti idroponici bio tra i mercati dell’USA e UE

SÌ, nel mercato dell'UE possiamo trovare prodotti idroponici "BIO" o prodotti trasformati "BIO" con ingredienti idroponici biologici.

Come è possibile?

Per rispondere a questa domanda, cominciamo con il requisito del regolamento biologico attuale dell’UE: ai sensi dell'articolo 4 del regolamento (CE) n. 889/2008, la produzione idroponica è vietata nella produzione vegetale biologica. Questo divieto deriva dal fatto che la produzione idroponica, un metodo di coltivazione delle piante con le loro radici solo in una soluzione nutritiva o in un mezzo inerte a cui viene aggiunta una soluzione nutritiva, non è in linea con il principio generale della coltivazione delle colture legate alla terra della produzione biologica di cui all'articolo 4 (a), (ii) del regolamento (CE) n. 834/2007.

E il prodotto idroponico biologico certificato NOP?

L'attuale posizione del National Organic Program (NOP) è che la certificazione dei sistemi di produzione idroponica è consentita fintanto che il produttore può dimostrare la conformità alle normative sul biologico. Ci sono infatti produzioni idroponiche biologiche negli Stati Uniti che sono certificate da organismi accreditati dall’USDA in base alle normative vigenti e al piano di sistema biologico dell'operatore.

Il National Organic Standards Board (NOSB – organo tecnico consultivo, chiamato a fornire supporto al NOP, ma i cui pareri non hanno valore finchè non sono integrati nella legislazione vigente) ha approvato una  raccomandazione finale  nell'aprile 2010 sugli standard di produzione per le piante terrestri in contenitori e recinti. Questa raccomandazione proibirebbe la produzione idroponica di colture biologiche, ad eccezione di funghi, germogli e micro-verdure, e consentirebbe la produzione in contenitori di colture biologiche in base a disposizioni specifiche che supportano l'ecologia del suolo naturale e diversificata all'interno del contenitore. La produzione 'idroponica è definita nella raccomandazione NOSB del 2010 come "la produzione di piante vascolari normalmente terrestri in soluzioni ricche di nutrienti o in una matrice solida, porosa e inerte bagnata in soluzioni ricche di nutrienti". 

Nel 2017, il  NOSB ha preso in considerazione un'altra proposta  sulla produzione idroponica e la coltivazione in contenitori (container-growing), ma la proposta non è stata approvata. La proposta avrebbe imposto una nuova definizione di produzione idroponica che includesse limitazioni specifiche sulla quantità e sulla frequenza delle applicazioni di nutrienti liquidi. 

Il NOP ha dichiarato che in futuro potrebbe fornire ulteriori indicazioni sulla produzione idroponica e su come i regolamenti si applicano a tali metodi, ma fino ad oggi non abbiamo visto alcuna guida o una regola proposta.  Nel frattempo, gli operatori idroponici certificati NOP devono rispettare il regolamento sulla produzione biologica. 

Equivalenza UE-USA

A partire dal 1° giugno 2012, dopo l'accordo di equivalenza BIO USA-UE, i prodotti biologici certificati possono circolare liberamente tra gli Stati Uniti e l'UE. In base a questo accordo, l'UE riconosce il National Organic Program (NOP) dell'USDA come equivalente al Regolamento Biologico dell'UE e consente ai prodotti biologici statunitensi di essere commercializzati come "biologici" nell'UE utilizzando il logo biologico dell'UE sotto queste condizioni:

  • Questo accordo è limitato ai prodotti biologici degli Stati Uniti, prodotti negli Stati Uniti o dove la lavorazione o il confezionamento finale avviene negli Stati Uniti.
  • La tetraciclina e la streptomicina non sono state utilizzate per controllare il Colpo di fuoco batterico nelle mele e nelle pere.
  • Un certificato di importazione viene rilasciato da un organismo di certificazione accreditato NOP che attesta la conformità ai termini dell'accordo.

Quindi gli operatori certificati NOP possono esportare i loro prodotti idroponici o prodotti trasformati ottenuti da ingredienti idroponici nel mercato UE seguendo l'accordo di equivalenza BIO USA-UE perché non c’è nessuna limitazione indicata per i prodotti idroponici. Di conseguenza, il consumatore dell'UE può trovare prodotti idroponici biologici certificati NOP nel mercato dell'UE e anche prodotti trasformati da ingredienti idroponici senza nessuna limitazione. Tuttavia, dall'altra parte al produttore dell'UE non è consentito effettuare alcuna produzione idroponica, nè per i consumatori dell'UE né per i consumatori Statunitensi secondo l'attuale regolamento CE 834/07 e nemmeno con il nuovo regolamento UE 848/2018 che entrerà in vigore il 01/01/2022.

Sarebbe opportuno e equo che l'accordo di equivalenza biologica tra l'UE e gli Stati Uniti fermasse i prodotti idroponici biologici NOP-USDA che entrano nel mercato dell'UE in quanto non sono consentiti dal regolamento biologico dell'UE.