Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Brexit: la situazione attuale

Pubblicato il: 10/02/2021

Autore: Roberto Maresca - Responsabile di schema area BIO

Brexit: la situazione attuale

Anche l’agricoltura biologica è tra i settori che rientrano nell'accordo commerciale e di cooperazione UE-Regno Unito EU-UK Trade and Cooperation Agreement (qui PDF, vedi Allegato TBT-4), firmato a fine 2020 e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea serie L 444. 

La questione Irlanda del Nord

Nonostante faccia parte della UK, l'Irlanda del Nord beneficerà delle regole del mercato comune della UE e quindi i prodotti dell'Irlanda del Nord rimarranno certificati e commercializzati secondo il regolamento europeo. Per il resto della UK, la Gran Bretagna che comprende Inghilterra, Galles e Scozia, varranno le nuove regole di cui oltre.

Import in UE di prodotti biologici provenienti da GB

Dal 01/01/2021 la Gran Bretagna è entrata nel novero dei Paesi Terzi: le aziende in GB che vorranno esportare prodotti biologici in Europa, potranno farlo esclusivamente ottenendo la certificazione da parte di uno degli Organismi di Controllo GB riconosciuto dalla Commissione Europea. Le aziende italiane che acquistano prodotti biologici di provenienza GB dovranno pertanto essere certificate per l’attività di Importazione, e la merce in ingresso dovrà essere accompagnata da un COI emesso in TRACES dall’ente in UK, così come avviene già per tutti gli altri prodotti biologici importati dai Paesi Terzi.

Le aziende italiane dovranno pertanto presentare una Notifica di Variazione, inserendo l’attività di importazione tra quelle per cui si richiede la certificazione, aggiungendo nell’elenco dei Paesi Terzi la GRAN BRETAGNA. Una volta avvenuto l’inserimento nell’elenco nazionale degli importatori, con procedura già rodata o con quella “facilitata” prevista dalla Nota 31921 del 22/01/2021 emanata dal MIPAAF - PQAI 01 (qui PDF), l’azienda potrà completare l’abilitazione in TRACES seguendo le linee guida (qui PDF), iniziando ad importare prodotti biologici da GB, che dovranno essere scortati da un Certificato di Importazione (COI) emesso proprio su TRACES.

Si rammenta la necessità di compilare la Comunicazione Arrivo Merce in SIAN (qui PDF manuale SIAN) , almeno tre giorni prima dell’arrivo della merce.

Export verso GB di prodotti biologici UE

Fino al 30/6/2021, gli operatori biologici italiani potranno continuare ad esportare prodotti biologici UE con le modalità adottate fino ad ora; sarà pertanto sufficiente il certificato di conformità “Bio 834” e la dichiarazione di conformità riportata nella documentazione accompagnatoria.

Dal 01/07/2021 invece i prodotti biologici UE dovranno essere accompagnati da uno specifico GB Certificate Of Inspection (GB COI), emesso dall’Organismo di Controllo dell’esportatore. CCPB sta predisponendo apposita modulistica per consentire alle aziende italiane certificate di poter richiedere l’emissione di tali GB COI necessari a partire dal 01/07/2021.