Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Divieto dell’enzima asparaginasi nei prodotti biologici

Divieto dell’enzima asparaginasi nei prodotti biologici

Asparaginasi è un enzima che catalizza l'idrolisi dell'asparagina in acido aspartico. L'uso più comune delle asparaginasi è come supporto durante la trasformazione di prodotti alimentari. le asparaginasi vengono utilizzate per prevenire la formazione di acrilamide, un sospetto cancerogeno, nei cibi contenenti amido come snacks e biscotti.

Aggiungendo asparaginasi prima della cottura del cibo, l'asparagina viene convertita in acido aspartico e ammonio. Come risultato, l'asparagina non può prendere parte alla reazione di Maillard e la formazione di acrilamide risulta notevolmente ridotta, fino al 90%, senza che i cibi subiscano modificazioni di gusto o aspetto.

Asparaginasi e biologico

Per quanto riguarda la produzione di alimenti biologici, gli enzimi possono essere utilizzati nella ai sensi dell’art. 27 del Reg. CE 889/08 (qui PDF): Uso di taluni prodotti e sostanze nella trasformazione degli alimenti - (…) solo le seguenti sostanze possono essere utilizzate nella trasformazione degli alimenti biologici: (…) le preparazioni a base di microrganismi ed enzimi normalmente utilizzate nella trasformazione degli alimenti. A condizione che questi non siano OGM o non siano ottenuti o derivati da OGM, come previsto dall’art. 9 del Reg. CE 834/07.

A tal proposito in passato il MIPAAF si era espresso favorevolmente all’uso dell’enzima Asparaginasi con nota N.0037454 del 10/05/2017 (qui PDF) ritenendo la dichiarazione sull’assenza di OGM della ditta DSM FOOD produttrice dell’enzima PreventASe ® M. corrispondente a quanto previsto dal regolamento CE 834/07.

Recentemente però la Commissione Europea ha invece chiarito che l’uso dell’enzima asparaginasi non risulti essere in linea con i principi della produzione biologica in quanto l’enzima deriva dal micororganismo Aspergillus Niger classificato come self-cloned micro-organism. L’enzima asparaginasi pertanto deriva da microrganismi geneticamente modificati.

L'ultima nota del MiPAAF

Successivamente all’ultimo incontro con la Commissione Europea avvenuto nei giorni 27, 28 e 29 ottobre 2020 il MIPAAF ha emesso il 13/11/2020 una successiva nota (qui PDF) informando tutti gli Enti e le Organizzazioni del settore che sulla base dell’ultima nota interpretativa con la quale la COM ha fornito ulteriori chiarimenti relativamente al prodotto PreventASe ® M, ritenendo la dichiarazione di assenza di OGM fornita dalla ditta DSM FOOD di fatto infondata, tale prodotto non può più essere utilizzato in agricoltura biologica.

Resta ancora da chiarire con il Ministero come dovranno essere considerati i prodotti biologici ottenuti con l’utilizzo dell’enzima PreventASe ® M prima dell’uscita della nota Ministeriale ma ancora in giacenza e quale possa essere l’utilizzo delle scorte dell’enzima non ancora utilizzato ancora presso gli operatori e soprattutto se verrà previsto un periodo di adeguamento per gli operatori del settore dato che l’enzima sembra essere una delle poche soluzioni valide per la riduzione dell’acrilamide nei prodotti da forno.