Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Import di prodotti biologici dalla Svizzera, alcuni chiarimenti

Pubblicato il: 08/11/2017

Autore: -

Import di prodotti biologici dalla Svizzera, alcuni chiarimenti
Una recente nota del PQAI I del Mipaaf ha chiarito alcuni aspetti sull’import di prodotti biologici dalla Svizzera e fa da buona occasione per un riepilogo generale.

Equivalenza tra Unione Europea e Svizzera

In Svizzera è attualmente in vigore l’“Ordinanza sull'agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente” (numero 910.18 del 22 settembre 1997). Le autorità dell'Unione Europea (UE) e l'Ufficio Federale dell'Agricoltura Svizzera (UFAG) hanno riconosciuto la mutua equivalenza delle rispettive normative in materia di produzione biologica, frutto di intensi negoziati bilaterali. Questo consente agli operatori europei di importare prodotti biologici dalla Svizzera certificati ai sensi della normativa citata, agevolando ed incentivando il commercio del biologico. Ovviamente le aziende europee che intendono importare prodotti biologici dalla Svizzera devono essere opportunamente certificate per l’attività di importazione dei prodotti biologici.

Come Importare

Risale invece al 14 maggio 2009 l’aggiornamento del più ampio Accordo tra la Confederazione elvetica e la Comunità europea sul commercio di prodotti agricoli. In particolare l’Allegato 9 (relativo ai prodotti agricoli e alimentari ottenuti con il metodo di produzione biologico) cita “Le importazioni tra le Parti di prodotti biologici in provenienza da una delle Parti o immessi in libera pratica sul territorio di una delle Parti e oggetto del regime di equivalenza ai sensi del paragrafo 1 non richiedono la presentazione di certificati di ispezione”. I prodotti biologici provenienti dalla Svizzera non devono dunque essere scortati da alcun Certificato di Ispezione per l’Importazione di prodotti biologici nell’Unione Europea (come da Allegato V del Reg CE 1235/08). In ogni caso, con nota numero 73020 del 09/10/2017 (qui PDF), il PQAI I ha chiarito la necessità di procedere alla comunicazione di arrivo merce, come da Allegato I del DM 18378 del 9 agosto 2012, da inviare almeno 7 giorni prima dell’arrivo della merce biologica proveniente dalla Svizzera all’ufficio competente del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e per conoscenza all’Organismo di Certificazione.

Riepilogo

Ricapitolando, per importare prodotti biologici dalla Svizzera:
  • bisogna essere aziende certificate per l’attività di importazione
  • occorre presentare comunicazione arrivo merce al Ministero e OdC almeno sette giorni prima dell’arrivo della stessa
  • non è necessario alcun Certificato di Ispezione o Importazione
[:]