Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Comitato Gestione Ricorsi

Il Comitato Gestione Ricorsi ha il compito di esaminare e decidere in merito al ricorso da parte di un operatore, è nominato dal Consiglio di Amministrazione su proposta dell’Amministratore Delegato ogni tre anni e possiede adeguate caratteristiche di indipendenza, imparzialità e competenza.

Il Comitato è composto di tre membri esterni così individuati:

  • un esperto in materie giuridiche che abbia conoscenza delle normative nazionali e comunitarie che regolano il settore agroalimentare e/o delle produzioni ecocompatibili in genere. Questo membro svolge la funzione di Presidente del Comitato
  • un esperto di sistemi di qualità ed in particolare dalla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17065
  • un membro scelto nella rappresentanza dei consumatori all’interno del Comitato Salvaguardia Imparzialità

Sono inoltre individuati due membri supplenti, il primo proveniente dalla rappresentanza dei consumatori e, come secondo, il Responsabile Assicurazione Qualità di CCPB. Il Comitato Gestione Ricorsi opera seguendo i criteri descritti nel regolamento interno deliberato e accettato dai suoi componenti.

Il Comitato Gestione Ricorsi ha facoltà di ricorrere alla consulenza di esperti nel campo oggetto di ricorso, questi hanno solo potere consultivo e non di voto. I componenti del Comitato Gestione Ricorsi sottoscrivono un impegno alla riservatezza sulle informazioni apprese nel corso delle attività del Comitato stesso, cui sono chiamati a partecipare. Inoltre, i membri del Comitato sottoscrivono una dichiarazione in merito all’assenza di conflitto di interessi comprensiva di un impegno a segnalare eventuali situazioni che possono configurare un conflitto di interesse con le tematiche oggetto dell’attività del Comitato, nonché ad astenersi temporaneamente dai lavori qualora si verifichino dette condizioni. Quest’ultima dichiarazione va aggiornata ogni anno entro la prima seduta della Comitato stesso ed è verificata dall’Amministratore Delegato di CCPB al fine di valutare i potenziali conflitti di interesse.