Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Torno sul tema dell’acido fosforoso o fosfonico perché sembra essere abbastanza paradigmatico del biologico italiano in questi ultimi anni.

Il carattere olistico del biologico
Il biologico nazionale sembra dipendere dall’asticella di residuo che a breve verrà fissata per l’acido fosforoso/fosfonico (si tratta della stessa cosa essendo due tautomeri) sui prodotti, ma così si dimentica che il…

Riepiloghiamo, nella tabella che segue, alcune delle principali scadenze previste dalla normativa comunitaria per i prodotti biologici, come modificate dopo la pubblicazione del Reg. UE n. 1584 del 22 ottobre 2018.

In particolare evidenziamo l’ulteriore proroga di due anni (dicembre 2020) delle deroghe relative all’introduzione di pollastrelle non biologiche e all’utilizzo di una percentuale di mangimi proteici…

In questo numero della News Letter desidero solo ricordare che in ambito UE da mesi si sta lavorando per definire la cosiddetta “legislazione secondaria”, ovvero l’insieme degli atti delegati e di implementazione che Commissione a Parlamento UE stanno mettendo a punto, con il concorso degli Stati membri e delle organizzazioni europee più rappresentative, per di dettagliare i principi contemplati…

Riprendiamo con questo articolo l’esame della nuova regolamentazione comunitaria sulla produzione biologica che entrerà in vigore il 1 gennaio 2021. In particolare, dopo aver esaminato la produzione vegetale e la certificazione di gruppo (tutti gli articoli sono qui), iniziamo ad affrontare un altro grande settore, quello della produzione animale.

I punti principali
A parte le norme generali, sulle quali…

La Commissione Europea “boccia” la certificazione biologica degli oli d’oliva diversi dall’olio extravergine di oliva e olio vergine di oliva, perché? Facciamo chiarezza.

Premesse
In data 4 Luglio 2019 la Commissione Europea emette un parere sulla possibilità di certificazione ed etichettatura biologica di oli estratti da olive (qui PDF) partendo da due premesse:

solo i prodotti agricoli trasformati…

Come di consueto, l’estate si presta all’aggiornamento periodico del testo coordinato di CCPB (qui PDF), elaborato sulla base di tutti i regolamenti comunitari e dei principali decreti di attuazione adottati dalla nostra Autorità competente per il settore della produzione biologica.

Regolamenti comunitari
Il testo è suddiviso in tre parti: la prima è dedicata al Reg. CE 834/2007 e le…

Sono due i decreti approvati dal MiPAAFT per riordinare la disciplina in materia di fertilizzanti, entrambi sono stati approvati lo scorso 6 giugno.

Nel primo entra il compost esausto da fungicoltura nell’elenco degli ammendanti ex Dgls 75/201.
Nel secondo invece (qui PDF), vengono approvati come fertilizzanti idonei in Agricoltura Biologica le sostanze di calcinazione quali:

Calcare solo di…

Il Consiglio dell’Unione Europea ha appena pubblicato (qui PDF) la decisione che sancisce la cooperazione e l’unione doganale tra UE e Repubblica di San Marino, in materia di produzione biologica ed etichettatura dei prodotti biologici, e di regime di importazione dei prodotti biologici.

La decisione è stata presa da uno specifico Comitato di cooperazione che in sintesi ha stabilito…

Sono stati adottati due importanti interventi a sostegno dell’agricoltura biologica della Regione Puglia: l’autorizzazione di un prodotto sanitario utilizzabile nella lotta all’insetto vettore di Xylella f. e la facilitazione nelle rotazioni colturali che consente maggiore libertà agli imprenditori agricoli.

Lotta contro la Xylella
Con Decreto del 21 maggio 2019 il Ministero della Salute (qui PDF), ha concesso…

Continua l’incertezza tecnico/scientifica sulla presenza di acido fosforoso/fosfonico nei prodotti biologici, freschi e/o trasformati. Un’incertezza rischia di riverberarsi in modo negativo sulle produzioni nazionali: le bozze di note o circolari che si rincorrono impongono limiti, di 0,05 ppm per i prodotti freschi annuali e 0,1 ppm per i prodotti freschi da coltivazioni arboree…