Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

In attesa di capire come e quando ci sarà la Brexit, mettiamo in fila alcune informazioni sulle conseguenze nel settore del biologico. 
Il referendum sulla Brexit
Il referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea (noto anche come BREXIT), si è svolto il 23 giugno 2016; si è trattato di un referendum consultivo per verificare il sostegno alla continuazione della permanenza…

La valutazione sulle irregolarità e sulle infrazioni dei prodotti importati da alcuni Paesi “a rischio”, ha portato la Commissione UE alla conclusione che sembrano essere necessari, misure e controlli aggiuntivi.

Nello specifico, a partire dallo scorso 01/01/2019, la Commissione UE ha aggiornato la comunicazione relativa ai controlli aggiuntivi previsti nel caso di importazione di determinate categorie di prodotti…

Con la pubblicazione del Reg. UE n. 39 del 10 gennaio 2019 (G.U.U.E n. 9/L del 11/01/2019) sono state adottate le revisioni periodiche degli allegati III e IV del Reg. CE n. 1235/2008, ovvero l’aggiornamento dell’elenco degli Organismi di certificazione e delle Autorità di Controllo riconosciuti dalla Commissione per gli scopi…

Nello scorso maggio 2018 è stato ufficialmente promulgato l’Organic Agriculture Promotion Act in Taiwan. Tale Atto consta di sei capitoli e 42 articoli totali, che specificano principi generali, requisiti di controllo e Certificazione, regole di gestione e penalità relative al prodotto che può essere considerato biologico a Taiwan.

Cosa serve per esportare biologico a Taiwan
L’atto entrerà in vigore…

Bio Suisse è un’organizzazione svizzera che rappresenta gli interessi dei coltivatori elvetici e che ha sviluppato specifiche direttive per i prodotti biologici, registrando il marchio Gemma/Bio Suisse che solo i licenziatari svizzeri possono utilizzare.

Il marchio
Tale marchio identificativo dei prodotti Bio Suisse è molto apprezzato dai consumatori svizzeri, i quali spesso non si “accontentano” del prodotto biologico certificato ai…

Tra i membri del G8 ossia il gruppo degli otto maggiori Paesi industrializzati (Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada e Russia), quest’ultima era l’unica a non aver ancora una legge sull’agricoltura biologica. Una lacuna colmata e ora anche la Russia ha regolamentato la propria produzione biologica, anche se, nel frattempo, si è autosospesa dal G8…

Nonostante l’estensione dell’accordo di equivalenza tra UE e Canada del 2016 abbia impedito ad aziende europee di essere certificate ai sensi del Canadian Organic Regime, CCPB è tuttora riconosciuto per certificare ai sensi del COR aziende sul territorio canadese, annoverandone alcune tra quelle certificate.

Standard Canadese: novità 2018
Lo scorso aprile sono stati pubblicati gli aggiornamenti dei Canadian Organic…

Il biologico può aiutare i due settori strategici dell’alimentare italiano: export e internazionalizzazione. Il bio made in Italy esporta all’esterno 2 miliardi di euro di prodotti ogni anno. CCPB partecipa all’edizione Cibus 2018, il salone internazionale dell’alimentazione a Parma dal 7 al 10 maggio.

Biologico e export
I temi principali dell’edizione 2018 sono: l’export…

Un anno fa esatto, con la nostra Newsletter online si aprile 2017 scrivevamo della partenza del sistema TRACES per l’emissione dei Certificati di Ispezione previsti dal Reg. CE 1235/08. Un anno dopo vediamo quali sono le novità e gli aggiornamenti.

Novità 2018
Da quella data sono stati numerosi, ben 25000, gli e-COI (eletronic certificate of import) emessi…

Per commercializzare prodotti biologici in Cina non è sufficiente la certificazione bio rilasciata ai sensi della normativa europea. Occorre acquisire una certificazione rilasciata da un ente certificatore autorizzato dal Governo sulla base della legge valevole in Cina. Questo presuppone che l’auditor incaricato sia cinese e venga spedito in Italia ad effettuare dei controlli aggiuntivi rispetto a quelli effettuati da CCPB…