Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

“Il biologico conferma la sua crescita sia nel mercato interno, sia nell’export. Nell’ultimo anno i prodotti bio sono diventati largamente disponibili, per assortimento e qualità, al vasto pubblico della grande distribuzione e dei discount, dove vengono apprezzati per le garanzie offerte e i valori di rispetto dell’ambiente e della salubrità”. Così Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB…

Le aziende interessate ad esportare prodotti biologici certificati ai sensi della normativa europea e destinati al mercato messicano dovranno fare richiesta agli organismi di certificazione messicani autorizzati, per l’attivazione del processo di “Recertificaciòn”.

Ne avevamo parlato anche qui, ma aggiungiamo alcuni elementi. CCPB può fornire ai propri operatori questo servizio, in collaborazione con uno di tali organismi. Per…

Fra qualche giorno saremo a SANA a Bologna e potremo incontrarci in Fiera sia nell’area dedicata all’alimentazione che in quella della cosmesi avendo organizzato la nostra presenza con due distinti stand.

SANA 2019
E’ anche il momento di riflettere sullo sviluppo del biologico e su come questo possa soddisfare l’esigenza di sostenibilità che deriva sia dalla domanda…

Una delle domande più frequenti dei consumatori è: “ma chi controlla che sia veramente biologico?”. Possiamo rispondere semplicemente che ci sono degli Enti preposti (sia governativi che privati approvati dal Ministero MiPAAFT che attuano i controlli utilizzando loro dipendenti o liberi professionisti.

Ricerca, selezione e formazione
Come gli altri enti privati, CCPB utilizza dei liberi professionisti che hanno conseguito la capacit…

Vi sono alcuni dati che appaiono poco nelle statistiche di tipo generalista ma che cominciano ad affiorare e denotano come le produzioni biologiche siano chiamate ad aumentare il loro appeal nei confronti di mercato e consumatori. Prendo spunto per questa riflessione da un rapporto della Commissione UE, pubblicato in marzo di quest’anno, e da alcune comunicazioni personali circa l…

Sono due i decreti approvati dal MiPAAFT per riordinare la disciplina in materia di fertilizzanti, entrambi sono stati approvati lo scorso 6 giugno.

Nel primo entra il compost esausto da fungicoltura nell’elenco degli ammendanti ex Dgls 75/201.
Nel secondo invece (qui PDF), vengono approvati come fertilizzanti idonei in Agricoltura Biologica le sostanze di calcinazione quali:

Calcare solo di…

In questo piccolo spazio ci occupiamo di etichettatura e cogliamo l’occasione per segnalare un interessante studio effettuato da l’Osservatorio Immagino di Nielsen GS1 Italy, sull’impatto sui consumi di alcuni claims presenti sulle etichette dei prodotti alimentari e cosmetici.

Grazie all’incrocio tra le informazioni in etichetta di oltre 100 mila referenze con i dati di consumi e…

In seguito alla comunicazione da parte della Commissione Europea, si informa che è stata fatta richiesta dal Ministero Coreano del Sud di modificare il modello di certificazione di importazione.

Equivalenza UE – Corea del Sud
Come noto, i prodotti agricoli biologici trasformati, certificati ai sensi del REG CE 834/07 che ricadono nell’accordo di equivalenza del 2015 tra Repubblica di Corea…

Sono stati adottati due importanti interventi a sostegno dell’agricoltura biologica della Regione Puglia: l’autorizzazione di un prodotto sanitario utilizzabile nella lotta all’insetto vettore di Xylella f. e la facilitazione nelle rotazioni colturali che consente maggiore libertà agli imprenditori agricoli.

Lotta contro la Xylella
Con Decreto del 21 maggio 2019 il Ministero della Salute (qui PDF), ha concesso…

Continua l’incertezza tecnico/scientifica sulla presenza di acido fosforoso/fosfonico nei prodotti biologici, freschi e/o trasformati. Un’incertezza rischia di riverberarsi in modo negativo sulle produzioni nazionali: le bozze di note o circolari che si rincorrono impongono limiti, di 0,05 ppm per i prodotti freschi annuali e 0,1 ppm per i prodotti freschi da coltivazioni arboree…