Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Certificazione KOSHER

Certificazione KOSHER

CCPB srl ha firmato un accordo di collaborazione con la OU (Orthodox Union) statunitense, il più grande ente mondiale per la certificazione kosher di prodotti alimentari.

Cos’è la certificazione Kosher

La parola Kosher in ebraico significa conforme alla legge o adatto e indica che un alimento è stato prodotto in ottemperanza alle regole dietetiche prescritte dalla Bibbia. I cibi kosher negli Stati Uniti hanno un vasto mercato di consumatori perché, oltre che dagli ebrei osservanti, vengono consumati anche da musulmani, indù e consumatori vegetariani e allergici che si fidano della garanzia della certificazione kosher perché considerata la piu' affidabile nell'analisi degli ingredienti.

Le regole bibliche permettono di cibarsi di animali ruminanti e con l'unghia fessa (bovini, ovini e caprini, e animali selvatici come cervi) purché macellati da esperti nel modo previsto e quindi non cammelli, conigli e suini; di pesci con pinne e squame e quindi non molluschi o pescecani; e di volatili domestici come polli e non volatili rapaci. È proibito mangiare insetti, alimenti che contengano sangue ed è anche proibito mischiare carne e latticini.

Mentre la certificazione di prodotti come l' olio d'oliva è piuttosto semplice, quella di alimentari che contengono molti ingredienti può diventare molto complicata a causa delle limitazioni sopraindicate. Infatti tutti gli ingredienti in un alimento devono essere kosher e le macchine usate per la produzione di prodotti non kosher possono essere usate per i prodotti kosher solo dopo essere state soggette a pulitura a caldo.

A cosa serve la certificazione Kosher

La certificazione kosher è un utile strumento di marketing per le aziende che aspirano di vendere i propri prodotti alla grande distribuzione. Infatti un'alta percentuale delle catene di supermercati negli Stati Uniti richiede che i fornitori abbiano la certificazione kosher perché in questo modo possono coprire tutto il mercato dei consumatori.

Negli Stati Uniti vi sono circa 500.000 consumatori di religione ebraica che acquistano solo alimentari kosher durante tutto l'anno. Un altro milione di consumatori ebrei acquista tali prodotti con frequenza varia. Poi vi sono sette milioni di vegetariani che acquistano prodotti kosher che garantiscono che i prodotti non contengono carni e grassi animali. Vi sono anche più di due milioni di musulmani (che come gli ebrei non mangiano carne suina e derivati) e oltre un milione di indù che non mangiano carne.

Come si ottiene la certificazione Kosher

Per ottenere la certificazione kosher dalla OU potete compilare i moduli qui allegati e inviarli all'attenzione del dottor Fabrizio Piva, CCPB srl, Viale Masini 36, Bologna, tel. 051 6089811 e mail: fpiva@ccpb.it. Per altre informazioni potete rivolgervi anche al nostro rappresentante negli Stati Uniti, dottor Donato Grosser, tel. 001 212 661-0435, e mail: grosserconsulting@gmail.com

Una volta che i moduli con la domanda di certificazione sono stati inoltrati alla OU, l'ente nomina un coordinatore esperto nei regolamenti kosher che guiderà l'azienda nell'iter di certificazione. I coordinatori della OU non sono solo esperti nei regolamenti kosher, ma hanno anche ampie nozioni in tecnologia alimentare, nell'equipaggiamento per la produzione alimentare, nella chimica organica, e in altri settori.

Successivamente un rappresentante locale della OU viene a fare una prima ispezione allo stabilimento produttivo per verificare la fattibilità della produzione secondo gli standard della certificazione kosher. Per questa visita è richiesto il versamento del costo delle spese di trasferimento dell'ispettore e di una tariffa per processare la domanda di certificazione.

Dopo che l'ispettore ha inviato il rapporto alla sede della OU, il coordinatore decide se l'ente può concedere la certificazione all'azienda. In alcuni casi la OU può chiedere che vengano fatti dei cambiamenti nei processi produttivi per poter dare la certificazione. A questo punto, il coordinatore invierà un contratto all'azienda con tutti i requisiti per ottenere la certificazione kosher della OU. Quando l'azienda ha inviato contratto firmato alla OU, l'ente invia all'azienda una lettera di certificazione. L'azienda dovra' inviare le etichette alla OU con il marchio per l'approvazione finale.

I costi della certificazione sono relativamente bassi e dipendono da fattori variabili come la distanza degli stabilimenti dalle sedi periferiche degli ispettori, dal numero di visite necessarie, dalla complessita' dei processi produttivi e dal numero di prodotti che richiedono certificazione.

La procedura può essere molto veloce e la OU fa ogni sforzo per permettere alle aziende clienti di utilizzare il marchio il più presto possibile. In media la procedura impega dodici settimane e puo' essere piu' veloce per prodotti con meno ingredienti come olio d'oliva, pasta e riso.

I numeri della certificazione OU

La OU certifica oltre 400.000 prodotti provenienti da 6.000 stabilimenti in ottanta paesi. Oltre a prodotti alimentari per il consumo la OU certifica anche ingredienti e attivita' di food service. La OU ha uno staff di 50 coordinatori, 500 ispettori e una banca dati con 200.000 ingredienti. L'ente e' stato fondato nel 1898 come organizzazione non a scopo di lucro e tutti i profitti vengono devoluti in progetti educativi e beneficienza.

La certificazione kosher viene quindi usata da circa dieci milioni di consumatori americani per motivi religiosi. A questi consumatori se ne aggiungono altri che per motivi di salute o per allergie alimentari varie (per esempio lattosio e glutine) si affidano alle garanzie offerte dagli enti di certificazione kosher per quanto riguarda gli ingredienti dei prodotti. Un paio di anni fa a seguito di sofisticazioni alimentari in Cina, alcune aziende richiesero che i prodotti ricevessero la certificazione kosher per offrire ai consumatori maggiori garanzie.

Il logo della OU è uno dei marchi di certificazione più conosciuti negli Stati Uniti. Questo marchio e' diventato sinonimo di marchio di qualità che certifica che i prodotti hanno passato ispezioni che garantiscono gli elevati standard dei prodotti.
La OU fornisce certificazione kosher a molte tra le piu' note marche di prodotti alimentari in tutto il mondo. Tra queste possiamo menzionare Absolut Vodka, Cocal Cola, Dow Chemical, General Mills, H.J. Heinz, Jim Beam, Kraft-Nabisco, Nestle, Novartis, Procter & Gamble, Pillsbury, Unilever e molte altre.

Scarica documentazione