Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Il biologico in equivalenza con l’Unione Europea

Il biologico in equivalenza con l’Unione Europea

Se al suo interno l’Unione Europea definisce l’agricoltura biologica con il Reg CE 834/2007, nei confronti dei paesi non comunitari la stessa UE ha stipulato accordi di equivalenza in modo che possano esserci scambi commerciali di prodotti biologici certificati da e verso paesi extra UE.

Biologico in equivalenza

Il biologico in equivalenza con l’Unione Europea prevede accordi con:

  • Argentina, Australia, Canada, Corea del Sud, Costa Rica, Giappone, India, Israele, Stati Uniti, Svizzera, Tunisia, Nuova Zelanda

Da tutti questi paesi è possibile importare prodotti biologici certificati dagli organismi di certificazione riconosciuti (cfr. allegato III del Reg. CE 1235/2008). Gli accordi assicurano ai consumatori e agli operatori che, da qualunque paese provengano, le regole adottate per il biologico sono applicate e verificate in ogni fase della filiera di produzione, trasformazione e commercializzazione e sono quindi equivalenti al Reg CE 834/2007.

Paesi non equivalenti

Per tutti gli altri paesi è possibile l’importazione di prodotti biologici nella UE solo se l’operatore esportatore (e gli operatori a monte) è certificato da un organismo di certificazione riconosciuto equivalente dalla UE per la specifica categoria di prodotti (cfr. allegato IV del reg. CE 1235/2008). Anche in questo caso laccordo prevede che le regole adottate per il biologico sono applicate e verificate in ogni fase.

Principi dell’equivalenza

Gli accordi per il biologico in equivalenza sono figli della costante crescita del settore bio in tutto mondo. Sono nati per agevolare un dialogo tra sistemi che altrimenti non sarebbero in grado di farlo o lo sarebbero con enorme dispendio di risorse ed energie (leggasi: notevoli carichi burocratici). Per questo l’allargamento delle equivalenze è una delle priorità dell’Unione.

Reciprocità

Tutti gli accordi possono prevedere eccezioni: a volte non coprono tutti i prodotti, altre volte definiscono alcuni requisiti specifici. Tuttavial a parola chiave per poter beneficiare di tutta la loro efficacia, è reciprocità.

Per qualsiasi dubbio e richiesta di informazioni è possibile contattare il personale CCPB all’indirizzo ccpb@ccpb.it.