Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Export verso Taiwan, le novità

Export verso Taiwan, le novità

Lo scorso 8 maggio 2019 è entrato ufficialmente in vigore l’Organic Agriculture Promotion Act in Taiwan, costituito da sei capitoli per 42 articoli totali che specificano principi generali, requisiti di controllo e Certificazione, regole di gestione e penalità relative al prodotto che può essere considerato biologico a Taiwan.

Come esportare a Taiwan

La nuova normativa taiwanese dettaglia anche i requisiti relativi all’importazione dei prodotti biologici dall’estero, consentendo due strade:

  • Importazione di prodotto certificato ai sensi di una normativa che l’autorità taiwanese ha riconosciuto equivalente a quella applicabile a Taiwan
  • Importazione di prodotto certificato ai sensi della normativa Taiwanese in paese estero

Allo stato attuale non risulta vi siano in essere “trattative” tra Commissione Europea e autorità taiwanese per il riconoscimento delle rispettive normative sul biologico, né risulta sia attualmente possibile agli Organismi di Certificazione europei richiedere l’Accreditamento ai sensi della normativa taiwanese all’Ente di Accreditamento locale.

Una deroga fino al 2020

Per ovviare a tali problematiche, l’Autorità taiwanese ha concesso una deroga fino al 31/05/2020; sarà infatti possibile entro tale data importare in Taiwan prodotti biologici certificati ai sensi della normativa comunitaria che partano dall’Italia, accompagnati da uno specifico certificato di transazione emesso da CCPB senza più l’obbligo di analisi multiresiduale.

Per quanto specificato fin qui, non è ancora chiaro cosa avverrà a partire dal giugno 2020, ma sarà nostra premura tenervi aggiornati su eventuali novità in tal senso.