Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Vitivinicolo sostenibile a Vinitaly 2019

Vitivinicolo sostenibile a Vinitaly 2019

Diversi sono i settori agricoli che vi via stanno ponendo sempre maggiore attenzione alla sostenibilità, tra questi quello vitivinicolo che è sicuramente uno dei più importanti, dati anche i numeri del comparto, l’Italia è nei primi posti sia per superfici coltivate che per vino prodotto.

Il convegno di Vinitaly 2019

In occasione del convegno Economia circolare, sostenibilità e certificazione organizzato da CCPB e Certiquality che si terrà al Vinitaly 2019 il prossimo 8 Aprile si parlerà di sostenibilità applicata al settore vitivinicolo uno dei settori più produttivi dell’intero comparto italiano, e di come i vari modelli e approcci di certificazione sostenibile possono contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità del settore.

Impatti ambientali e sostenibilità

La sostenibilità in agricoltura parte ovviamente dagli effetti dei cambiamenti climatici e dalle iniziative atte a contrastarli sono ormai temi noti e sempre di attualità nelle trattive internazionali sul clima e lo sviluppo sostenibile. Il settore agricolo a livello mondiale è responsabile di circa il 30% degli impatti totali, di conseguenza risulta direttamente interessato dal problema. Temi attuali trattati anche lo scorso 22 Febbraio alla conferenza internazionale della FAO sullo Stato dell’agricoltura e della biodiversità mondiale, tra i vari punti raggiunti in questi incontri, la tematica comune è stata quella di dare importanza primaria al suolo come attore chiave in relazione a obiettivi di mitigazione e prevenzione degli effetti negativi dei cambiamenti climatici e alla sostenibilità.

Tali obiettivi possono essere raggiunti attraverso la gestione sostenibile dei terreni agricoli oggetto di produzione attraverso l’adozione di pratiche atte a salvaguardare biodiversità e funzioni ecologiche degli agroecosistemi, nonché la vitalità dei terreni attraverso il miglioramento degli stock di carbonio organico nel suolo e il miglioramento della loro vitalità biologica.

Biodiversity Alliance

Date queste premesse a Vinitaly parleremo di due protocolli di certificazione che mirano alla sostenibilità produttiva e al contempo alla salvaguardia di una risorsa fondamentale all’attività agricola come il suolo.

Biodiversity Alliance, un sistema di valutazione della biodiversità che prende in considerazione 12 indicatori la cui misura è di tipo quantitativo e di tipo qualitativo la cui valutazione consente di ottenere la certificazione. L’applicazione dello standard prevede il prelievo e l’analisi di una delle risorse fondamentali per qualsiasi tipo di produzione agroalimentare come il suolo

Carbon Sequestration

Carbon Sequestration, metodologia che detta le linee guida per la Quantificazione e la riduzione delle emissioni e l’immagazzinamento di CO2 nel suolo a seguito di tecniche colturali innovative o diverse da una situazione di riferimento.

La sottrazione del carbonio atmosferico ed la sua fissazione al suolo sotto forma di carbonio organico, così come la tutela e il miglioramento della biodiversità dei nostri ecosistemi agricoli produttivi, sono dei passaggi fondamentali verso un’agricoltura sostenibile, e la loro valorizzazione attraverso approcci certificativi può rappresentare per il sistema agricolo e agroalimentare la possibilità di ottenere, in particolare, diversi benefici, riduzione dei costi, miglioramento tecniche gestionali, visibilità e promozione prodotto.