Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

L’Italia è protagonista della crescita del biologico internazionale

L’Italia è protagonista della crescita del biologico internazionale

92 miliardi di euro di fatturato, 2,9 milioni di produttori coinvolti e 69,8 milioni di ettari di terreno destinato all’agricoltura bio. Sono i dati presentati al Biofach, la fiera internazionale del settore, in corso a Norimberga fino al 16 febbraio. Ottimo risultato per l’Italia che tra i paesi europei è si mantiene ai vertici per la produzione, le superfici, i consumi e l’export. CCPB, ente di certificazione, partecipa nelle aree food e cosmesi.

I dati sul biologico mondiale

Il 2017 è stato un altro anno da record per il biologico mondiale che cresce per fatturato, numero di aziende e superfici coltivate. Lo dicono i numeri presentati dall’Istituto svizzero FIBL e da IFOAM (International Federation of Organic Agriculture Movements), in occasione di Biofach, la fiera internazionale del bio in corso a Norimberga fino al 16 febbraio.

Nel rapporto The World of organic agriculture, basato su dati 2017, si rilevano oltre 92 miliardi di euro di fatturato complessivo, 2,9 milioni di produttori e 69,8 milioni di ettari coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica. Buono anche l’andamento della cosmesi naturale e biologica, secondo IRi, il volume d’affari mondiale ha raggiunto 15 miliardi di euro nel 2017.

Il ruolo dell'Italia

“Il biologico è un fenomeno mondiale che non conosce pause – commenta Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB –. La crescita tocca i mercati europei e statunitense, così come paesi più piccoli, ovunque il bio è un modello di agroalimentare sostenibile”.

Altra conferma è il ruolo da protagonista giocato dall’Italia che vanta ottimi risultati in su tutti gli ambiti: dalla produzione e le superfici coltivate fino ai consumi. Soprattutto due dati colpiscono l’attenzione: l’Italia è il paese europeo con il maggior numero, 18.000, di trasformatori ed è seconda solo agli Stati Uniti come valore dell’export di prodotti biologici, che nel 2017 ha sfiorato i 2 miliardi di euro. “Sono due aspetti legati tra loro – continua Piva – e che mostrano come la capacità produttiva dell’Italia sia ai vertici del bio internazionale”.

CCPB, ente di certificazione specializzato nell’agricoltura biologica e sostenibile, a testimonianza del suo continuo impegno è presente a Biofach con un doppio stand: aree food (pad. 4-511) e cosmesi (pad.7A-551).