Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

SQNPI Revisione 5: attenzione alle scadenze!

SQNPI Revisione 5: attenzione alle scadenze!

La revisione 5 del Sistema Qualità Nazionale di Produzione Integrata, meglio conosciuto come SQNPI, introduce delle scadenze precise per il rilascio delle domande 2019, sia di inizio impegno che di conferma.

Nulla di invariato per le aziende che scelgono la misura agro climatica ambientale esclusiva, in quanto la scadenza è ancora fissata dal relativo bando regionale applicato.

Domande di conferma 2019

Al contrario, le aziende che chiedono l’uso del marchio SQNPI devono affrettarsi al rilascio delle domande di conferma 2019, in quanto la scadenza è fissata per la fine di questo mese. Chi è al primo anno di certificazione, invece, può prendersela comoda e rilasciare la domanda entro il 15 Maggio.

Ma cosa succede ai ritardatari?! Chi rilascia la domanda entro il mese di ritardo (30 gg) subisce una penalità di 2 punti, da 30 a 60 giorni, 4 punti e da 60 a 90 giorni, 6 punti, che vanno a sommarsi alle eventuali ulteriori non conformità rilevate; col rischio di non riuscire ad ottenere la conformità minima per la certificazione (<10 punti). Chi, invece, rilascia la domanda oltre i 90 giorni di ritardo, subisce 10 punti di penalizzazione e, pertanto, è sospeso dalla certificazione automaticamente.

Fascicoli aziendali aggiornati

Ne approfittiamo per ricordare che i fascicoli aziendali devono essere aggiornati prima della compilazione delle domande o, comunque, prima della verifica ispettiva ed eventuali variazioni devono portare a rettifiche delle domande entro 30 giorni. Domande non rappresentative della realtà aziendale ispezionata non potranno essere chiuse con esito positivo.

Un consiglio finale

Per concludere, il consiglio, per chi si appresta alla conferma dell’impegno, è sempre lo stesso: se cambiano le colture (cosa certa per i seminativi e orticole) o le superfici, è meglio procedere al rilascio di una nuova domanda iniziale e caricare i terreni da capo; se, invece, nulla è cambiato rispetto all’ultima domanda, è vantaggioso l’utilizzo della funzione di conferma, in modo da duplicare la domanda dello scorso anno.