Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Aggiornati gli standard di produzione biologica di CCPB

Aggiornati gli standard di produzione biologica di CCPB

Grazie al lavoro dell’apposito Comitato, CCPB ha redatto propri Standard di Produzione Biologica (qui PDF) allo scopo di soddisfare i requisiti per l’accreditamento IFOAM e, al contempo, predisporre uno strumento applicabile dagli operatori che si trovano in Paesi al di fuori dell’Unione Europea e che intendono esportare verso gli Stati membri prodotti che offrono garanzie equivalenti a quelle stabilite dal Reg. CE 834/2007.

Cosa comprendono gli Standard

Nella definizione degli Standard sono stati presi in considerazione, quindi, i principi contemplati nella normativa di riferimento fra cui il Reg. CE 834/2007, le Norme IFOAM per la produzione biologica e la trasformazione, nonché la legislazione internazionale in materia di produzione biologica, in particolare l’USDA-NOP, il JAS ed il COR.

Ciò ha consentito di sviluppare una serie di norme che potranno essere seguite come linee guida da tutti gli operatori che intendono produrre in conformità al Reg. CE 834/2007 sul territorio nazionale. Tali norme divengono invece prescrittive per gli operatori che intendono ottenere la certificazione in conformità allo schema CCPB Global Programme, accreditato IFOAM, o per coloro, appunto, che si trovano ad operare al di fuori dell’Unione Europea ed intendono esportare verso i Paesi dell’Unione.

Applicazione degli Standard

Gli Standard sono inoltre prescrittivi per alcune categorie di prodotti/attività non incluse direttamente nel campo di applicazione del Reg. CE 834/2007, quali la produzione di Pet-Food, di alga spirulina, di struzzi, conigli, lumache, gelsicoltura e bachicoltura, per le quali l’Autorità nazionale ha provveduto al riconoscimento di specifiche norme di produzione come previsto dall’art. 42 del Reg. CE 834/2007, integrate negli Standard di CCPB. E’ prevista inoltre una sezione specifica per la ristorazione collettiva rivolta agli operatori che intendono ottenere la certificazione in conformità anche per questa particolare categoria di prodotti, sulla base dello specifico disciplinare privato di CCPB, in quanto non coperta dal campo di applicazione del Reg. CE 834/2007.

Negli Standard sono inoltre evidenziate le principali differenze tra le condizioni e gli adempimenti previsti dal Reg. CE 834/2007 e i requisiti di altri schemi di riferimento, quali il NOP (National Organic Programme), il JAS (Japanese Agricultural Standard) e il COR (Canadian Organic Regime), che gli operatori dovranno rispettare per poter ottenere la certificazione in conformità ad ognuno di essi.

Lo scorso 19 febbraio il Comitato degli Standard di CCPB ha provveduto all’emissione di una nuova revisione degli Standard di Produzione Biologica. La revisione degli Standard è un processo continuo, che avviene per adeguare i medesimi sia alle segnalazioni che pervengono dalle parti interessate, sia all’evoluzione legislativa di riferimento per le produzioni biologiche. Nel caso specifico della presente revisione, si tratta principalmente di adeguamenti dovuti a modifiche intervenute a carico della legislazione di riferimento comunitaria (Reg. UE n. 838/2017 e 2273/2017).

I tempi di adeguamento ai nuovi Standard sono pari a 12 mesi, fatte salve le disposizioni già regolamentate per gli schemi di riferimento.

Come avviene la revisione

La revisione completa degli Standard avviene ogni tre anni; in ogni caso, ogniqualvolta sia necessario sono apportate tutte quelle variazioni conseguenti a modifiche della normativa di riferimento. In sede di revisione triennale, prevista entro fine 2018, saranno prese in considerazione anche tutte quelle modifiche proposte dagli operatori controllati e da tutte le parti coinvolte (consumatori, produttori, distributori, ecc.) nel processo di produzione e certificazione delle produzioni biologiche. Tali proposte, al fine di essere valutate dal Comitato degli Standard di Produzione Biologica di CCPB, devono pervenire all’indirizzo del medesimo in forma scritta. Qualsiasi richiesta di chiarimento e/o interpretazione dei presenti Standard va presentata in forma scritta all’indirizzo del Comitato degli Standard di Produzione Biologica presso CCPB riportando, oltre al quesito, i riferimenti di colui che presenta la richiesta.

Con l’occasione, ricordiamo l’importante riconoscimento ottenuto già nel 2011 dagli Standard di CCPB, che sono stati valutati idonei a soddisfare i requisiti per gli standard biologici indicati da IFOAM nei “COROS – Common Objectives and Requirements of Organic Standard” e sono quindi stati accettati nella IFOAM Family of Standards: gli operatori certificati secondo lo schema CCPB Global Programme, accreditato IFOAM, avranno quindi la possibilità di chiedere anche l’uso del marchio specifico predisposto da IFOAM, consultabile su www.ifoam.bio/en/ifoam-ogs-logos.

Sitografia

IFOAM - www.ifoam.org

NOP - www.ams.usda.gov/about-ams/programs-offices/national-organic-program

COR – www.inspection.gc.ca/food/organic-products/eng/1300139461200/1300140373901

JAS - www.maff.go.jp/e/jas/specific/organic.html