Nuovo decreto sul bio: le osservazioni di Agrinsieme

CCPB condivide le osservazioni di Agrinsieme scritte in una lettera mandata a tutti gli Assessori Regionali all’agricoltura, sul decreto legislativo per “l’armonizzazione e razionalizzazione della normativa sui controlli in materia di produzione agricola e agroalimentare biologica”.

Pur ritenendo il decreto legislativo necessario allo sviluppo del biologico in Italia, il coordinamento rileva come “le disposizioni in esso contenute rischiano di ottenere effetti contrari a quelli prefigurati di maggiore efficacia dei controlli, tutela dei consumatori, trasparenza della filiera ed efficienza procedurale ed operativa”. Qui il testo completo della lettera.

Sono tutte osservazioni in linea con quelle pubblicate da CCPB nei giorni scorsi (www.ccpb.it/blog/2017/06/20/nuovo-decreto-bio-rischio-competitivita-italia), in cui si notava come il decreto così disegnato potrebbe mettere a rischio la competitività del biologico italiano.

Agrinsieme è il coordinamento che rappresenta le aziende e le cooperative di Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle cooperative agroalimentari (che a sua volta ricomprende Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative e Legacoop Agroalimentare).

tag: , ,