Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Mangiate le squisite pesche di Verona IGP

Mangiate le squisite pesche di Verona IGP
“Mangiate le squisite pesche di Verona”: è il motto coniato nell’agosto del 1934 e pubblicato su” L’arena di Verona” in occasione di una importante mostra locale e che poi venne utilizzato con fortuna per pubblicizzare il prodotto. L’indicazione geografica protetta "Pesca di Verona" è riservata alle pesche a polpa bianca ed a polpa gialla, nonché alle nettarine a polpa gialla delle cultivar appartenenti alla specie Prunus Persica (L.) Batsch. IGP pesca veronaLa zona di produzione è limitata alla provincia di Verona e comprende l'intero territorio dei Comuni di Bussolengo, Buttapietra, Castel d'Azzano, Mozzecane, Pastrengo, Pescantina, Povegliano, S. Giovanni Lupatoto, Sommacampagna, Sona, Valeggio sul Mincio, Villafranca, Castelnuovo del Garda, Lazise, Sant’Ambrogio di Valpolicella, San Martino Buon Albergo, Verona, Zevio. La coltura del pesco nel veronese e il prestigio delle pesche di Verona hanno origini assai antiche: citata da Plinio in epoca romana, dal 1770 la coltura è presente in forma irrigua nell’area Veronese lungo l’Adige. La zona di produzione è particolarmente vocata alla peschicoltura in quanto caratterizzata da un clima temperato, per la vicinanza del Lago di Garda, e da terreni ricchi di scheletro e perfettamente drenanti molto adatti alla coltivazione del pesco. In questo ambiente tale coltura manifesta un limitato sviluppo vegetativo che favorisce l'illuminazione e l'arieggiamento della chioma in modo da produrre frutta con le caratteristiche di tipicità: intensa colorazione dell’epidermide, giusto equilibrio tra grado zuccherino e acidità, pezzatura e consistenza della polpa. La significativa escursione termica (superiore alle altre zone peschicole), la vicinanza del lago, l’umidità che al mattino si deposita sui frutti, conferiscono all’epidermide della Pesca di Verona una colorazione brillante intensa e molto estesa rispetto all’intera superficie del frutto (sovraccolorazione). Non ci resta dunque che dar seguito al fortunato motto e mangiare le squisite pesche di Verona IGP.