Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

CCPB autorizzato per i controlli del Latte fieno STG

CCPB autorizzato per i controlli del Latte fieno STG
CCPB con Decreto Mipaaf 7402 del 28 aprile 2017 ha ottenuto l’autorizzazione ad effettuare i controlli sulla Specialità Tradizionale Garantita “Latte fieno” già registrata a livello europeo con Regolamento UE 2016/304 del 2 marzo 2016. latte fieno STGSi tratta della forma di produzione lattiera più “naturale” in quanto proviene da bovine allevate in aziende lattiere tradizionali, sostenibili, ed alimentate esclusivamente da erba, legumi, cereali e fieno, senza l’utilizzo di alimenti fermentati. Il disciplinare prevede inoltre il divieto di somministrazione si mangimi OGM. Ovviamente la produzione del latte da fieno e la sua successiva lavorazione risalgono alle origini della produzione lattiera (circa V secolo a.C.). Nel Medioevo, nelle Prealpi e nelle montagne del Tirolo si produceva già negli «Schwaighöfe» formaggio con latte da fieno. Dal punto di vista nutrizionale il "latte fieno" ha il vantaggio di avere un maggior contenuto di omega 3, mentre per quanto riguarda la sua trasformazione si distingue per il fatto che difficilmente contiene batteri indesiderati (es. clostridi) che possono interferire con la maturazione del formaggio e contribuire anche alla formazione di difetti. Oltre ai requisiti relativi all’alimentazione degli animali il disciplinare di produzione prevede anche specifiche regole relative a identificazione e rintracciabilità, modalità di coltivazione dei foraggi aziendali, consegna del latte, e gestione dei documenti. Ovviamente devono entrare nel sistema di controllo sia le aziende che producono il latte, sia quelle che lo elaborano ed imbottigliano. Tutti gli attori di queste filiere dovranno essere controllati almeno una volta all’anno, ad eccezione delle aziende che producono latte esclusivamente STG (22% degli operatori annualmente) e quelli che producono anche latte “convenzionale”, ma in unità di produzione distinte (52% degli operatori annualmente). Maggiori informazioni sulla pagina dedicata nel nostro sito web.