Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Agricoltura Simbiotica e la catena alimentare

Agricoltura Simbiotica e la catena alimentare
Per “agricoltura simbiotica” intendiamo il metodo di coltivazione e di allevamento che prevede l’impiego di bioti microbici e di sostanze naturali, che mantengono e sviluppano la sostenibilità microbiologica dei suoli e delle piante. agricoltura simbioticaOvviamente questa non è una definizione universalmente riconosciuta, ma è in primo tentativo di valorizzazione un concetto di agricoltura che va oltre il concetto di biologico proprio perché si parte dall’uso più razionale della chimica, ma anche al rispetto del biota microbico delle piante e del suolo che è l’elemento cardine della salute umana. Il principio di partenza è un nuovo metodo di coltivazione e di allevamento che si fonda sul rispetto della simbiosi tra terra, animali e uomo, per questo viene detta anche ecosimbiotica. La nuova frontiera dell'Agricoltura simbiotica infatti, evitando l’utilizzo di fertilizzanti e fitofarmaci chimici di sintesi, salvaguarda meglio il terreno, ricco di micorrize e batteri buoni e di conseguenza anche l'uomo: un'alimentazione corretta protegge il nostro intestino. La presenza di molti batteri buoni è infatti funzionale per la risposta immunitaria. Allo stesso modo questo vale anche per gli animali la cui alimentazione prevede il latte della madre e i prodotti della terra, senza ormoni, medicinali di sintesi chimica e antibiotica. L’aspetto fondamentale è il principio della micorizzazione, attraverso cui i prodotti agricoli, e di conseguenza gli alimenti ottenuti con essi, si arricchiscono dal punto di vista nutritivo in particolare di microelementi. CCPB ha deciso di collaborare per la buona riuscita di questo progetto sia attraverso la collaborazione nella stesura del disciplinare che regolamenta il sistema, ma soprattutto attraverso l’attività di ispezione e di certificazione delle aziende e delle filiere che la richiederanno. Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.agricolturasimbiotica.it e qui sotto all’intervista realizzata con Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB, per una presentazione a Terra Madre, il salone del Gusto di Slow Food.