Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Il contributo dell’ortofrutta bio al nuovo Macfrut

Il contributo dell’ortofrutta bio al nuovo Macfrut
CCPB e Consorzio il Biologico saranno presenti a Macfrut 2015 con uno stand istituzionale (pad. B5 - 85-86). La fiera internazionale dell’ortofrutta sarà a Rimini dal 23 al 25 settembre. banner-macfrut-2015“Siamo curiosi e fiduciosi per questo Macfrut 2015 completamente rinnovato” commenta Lino Nori, presidente di Consorzio il Biologico “in una fiera così potenziata le aziende del biologico possono dare un grande contributo all’ortofrutta italiana”. “I dati dell’ultimo anno sono molto promettenti e possono ancora migliorare” aggiunge Fabrizio Piva, amministratore delegato CCPB. Secondo ISMEA nel primo semestre 2015 le vendite di ortaggi freschi e trasformati biologici ha segnato un +21,8%, quelle di frutta fresca e trasformata un +13,5%. La crescita del mercato interno è parallela a quella dell’estero: il 20% dell’export agroalimentare biologico italiano è relativo a frutta e verdura a marchio bio. “Le ragioni di questo successo sono semplici”, continua Piva: “gli italiani hanno sempre più voglia di bio, e nell’ortofrutta vedono il meglio del cibo di qualità di consumo quotidiano: un prodotto fresco, naturale, senza pesticidi”. Davanti al pubblico di operatori e professionista arrivati da tutto il mondo, CCPB presenterà i propri servizi di certificazione sul biologico, e in generale sull’agroalimentare, come GLOBALGAP per la Grande distribuzione europea e gli standard sulla sostenibilità ambientale e la tracciabilità di filiera.