Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Accordo di equivalenza Repubblica di Corea – UE: importazione di prodotti biologici trasformati

Accordo di equivalenza Repubblica di Corea – UE: importazione di prodotti biologici trasformati
Come già raccontato nelle scorse news, con il Regolamento di Esecuzione n. 131 del 23 gennaio 2015 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 29 gennaio scorso e disponibile qui, la Commissione Europea ha incluso la Repubblica di Corea è ufficialmente riconosciuta come Paese Terzo equivalente(vedi allegato III del Regolamento CE 1235/08), anche se solo per i prodotti della categoria D (Prodotti agricoli trasformati destinati a essere utilizzati come alimenti). banner corea giardinoDal 1 febbraio 2015 è quindi possibile importare, in Europa dalla Repubblica di Corea, i prodotti biologici trasformati definiti dal Reg. CE 852/2004. Le aziende importatrici dovranno come sempre essere iscritte all’elenco nazionale degli importatori di prodotti biologici da Paesi Terzi e verificare che il fornitore esportatore sia certificato da uno degli Organismi di certificazione coreani accreditati ed elencati nel punto 5 del Regolamento di esecuzione; questi ultimi potranno emettere il certificato di importazione previsto dall’allegato V del Reg. CE 1235/08 che consentirà lo sdoganamento dei prodotti come biologici all’interno dell’Unione Europea. Come detto il regolamento fa seguito all’accordo siglato da Unione Europea e Repubblica di Corea, che consente alle aziende certificate bio europee di esportare prodotti trasformati in Repubblica di Corea.