Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

I punti del manifesto dell'agroalimentare sostenibile

I punti del manifesto dell'agroalimentare sostenibile
In quale direzione può muoversi l’agroalimentare italiano per arrivare alla sostenibilità economica, ambientale e sociale? ccpb 2014 - convegno sostenibilità01 Questo l’interrogativo lanciato da CCPB e dal Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali Sostenibili della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore, che nella giornata di ieri hanno invitato produttori, grande distribuzione, istituzioni e mondo accademico per ragionare insieme su come l’Agroalimentare italiano può diventare sostenibile. Sintetizzando si può dire che se il sistema italiano parte da un ottima base di produzioni di qualità, grazie all’apporto negli ultimi anni di produzione integrata e biologica, ancora può crescere nell’armonia del settore e nella comunicazione. Da questo punto di vista la sostenibilità offre ottime opportunità future: aiutare il produttore a disporre di conoscenze e strumenti per produrre meglio e in modo meno impattante, e rivolgersi ai consumatori informandoli in modo consapevole e trasparente su ciò che acquistano. Come si può arrivare a questi ambiziosi risultati? Acquisizioni tecnico-scientifiche integrate con la rete e servizi informatici, maggiore integrazione della filiera e un costante lavoro sulla tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti dal campo alla tavola. Alla discussione hanno partecipato: Gabriele Canali (Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, Pierluigi Meriggi (Horta Srl), Roberto Della Casa (Università di Bologna – Polo di Forlì), Giampiero Reggidori (Apo Conerpo), Alessandro Dal Piaz (Assomela), Carlo Malavolta (Regione Emilia Romagna), Fabrizio Piva (CCPB), Giovanni Arcangeli (Agrofarma), Vittorio Ramazza (Coop Italia), Massimo Marino (Lce) e Ivano Valmori direttore di Agronotizie – ImageLine che ha curato la redazione del testo. SCARICA QUI LE RELAZIONI DEL CONVEGNO e sotto IL MANIFESTO (condivisibile e scaricabile)