Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

UE: la nuova strategia per le Foreste

UE: la nuova strategia per le Foreste

Sottolineare l'importanza delle foreste non solo per lo sviluppo rurale, ma anche per l'ambiente e la biodiversità, per le industrie forestali, la bioenergia e la lotta contro i cambiamenti climatici. È questo l'obiettivo della strategia comunitaria per le foreste approvata dalla Commissione lo scorso 20 settembre.

Nella comunicazione al Parlamento e al Consiglio UE COM (2013) 659 final, la Commissione risponde alle nuove sfide che attendono le foreste, risorsa fondamentale che occupa il 40% della superficie della UE, in ottica di una gestione sostenibile dell'utilizzo delle risorse forestali per la produzione di beni e servizi. La precedente strategia forestale era datata 1998, questa richiede anche la forte collaborazione degli Stati membri chiamati a implementarla nelle proprie norme nazionali.

Con questo nuovo approccio, secondo la Commissione, “la strategia “esce dalla foresta” per affrontare gli aspetti della “catena di valore”, cioè l’utilizzo delle risorse forestali ai fini della produzione di beni e servizi, che incidono in maniera determinante sulla loro gestione”.

Il documento approvato sottolinea la necessità di adottare un approccio più globale, raccomanda anche di tener conto dell’impatto di altre politiche sulle foreste e degli sviluppi che si verificano al di fuori dell’area forestale vera e propria, ed esorta gli Stati membri a “integrare pienamente le pertinenti politiche europee nelle loro strategie forestali nazionali”.

Una grande novità è che la strategia auspica l’istituzione di un sistema di informazione forestale e la raccolta di dati armonizzati a livello europeo. Il commissario UE all’agricoltura e allo sviluppo rurale Dacian Cioloş ha sottolineato:

“Le foreste costituiscono ecosistemi fondamentali, oltre ad essere una potenziale fonte di ricchezza e di occupazione nelle aree rurali, se sono gestite come si deve. La gestione sostenibile delle foreste, tale da garantire la loro protezione, rappresenta uno dei principali pilastri dello sviluppo rurale nonché uno dei principi fondatori della nuova strategia forestale”.

Concludendo bisogna adottare un approccio diverso e intendere le foreste come sia quindi come bene importante da tutelare, ma anche come una risorsa che può portare occupazione e ricchezza nelle aree interessate.

 

GIUSEPPE MAIO - Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB