Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

Gestione informatizzata della notifica: prorogato il termine del 31 marzo 2013

Gestione informatizzata della notifica: prorogato il termine del 31 marzo 2013

Come una buona notizia è arrivata la proroga per tutti gli operatori che faticosamente stanno tentando di adempiere agli obblighi di informatizzazione, imposti dal DM 6561 del 27/12/2012 che obbliga entro il 31 Marzo ad informatizzare sul SIB (Sistema Informativo Biologico), la notifica di attività con metodo biologico attraverso il Sistema Informativo Agricolo Nazionale o Regionale (nel caso che la sede legale e/o sito produttivo delle aziende biologiche sia situato in una regione con proprio sistema informativo: Toscana, Lombardia, Puglia, Emilia-Romagna, Marche, Piemonte, Umbria e Veneto).

In data 28 Marzo è uscito il Decreto Dipartimentale con il quale viene prorogato il termine del 31 marzo 2013. Per tutti coloro che non hanno ancora regolarizzato la loro posizione attraverso la gestione informatizzata della notifica il nuovo termine è il 10 Maggio 2013. Tutti gli operatori “inadempienti hanno ben 40 giorni in più rispetto a quanto inizialmente previsto, salvo ulteriori proroghe da parte del MiPAAF. Si auspica quindi che si possano risolvere in questi ulteriori giorni le numerose difficoltà riscontrate dagli operatori biologici nell’accedere al sito del SIAN per caricare i dati della notifica, verificatesi soprattutto per coloro che hanno diversi siti produttivi ubicati in più Regioni e per gli importatori biologici.

In ogni caso, per completezza di informazione si riporta la nota del Ministero pubblicata il 22/03/2013 nella quale vengono forniti alcuni chiarimenti circa gli adempimenti degli operatori biologici che hanno sede legale e strutture situate in più Regioni.

La nota precisa che attualmente i sistemi informativi regionali e quello nazionale non riescono ancora a “cooperare”, nel senso che non vi è ancora uno scambio reciproco dei dati tra i diversi sistemi informativi, pertanto gli operatori biologici che hanno costituito il fascicolo aziendale in una Regione dotata di sistema informativo proprio e con strutture ubicate anche in Regioni diverse sono tenuti a presentare notifica anche sul sistema informativo di ciascuna Regione (se dotata di proprio sistema informativo) o sul SIB (se non dotata di sistema informativo proprio) invece, gli operatori biologici che hanno costituito il fascicolo aziendale in una Regione senza sistema informativo proprio e con strutture ubicate anche in Regioni con proprio sistema informativo, sono tenuti a compilare la notifica sul SIB e sul sistema informativo della Regione dove sono situate le altre strutture. La nota precisa però che, non appena sarà in funzione la cooperazione tra i vari sistemi informativi, l’operatore potrà presentare un'unica notifica nella Regione dove ha costituito il fascicolo aziendale.

Su questo link è possibile reperire ulteriori informazioni circa i termini della proroga ed informazioni utili sulle modalità di accesso al SIB.

FEDERICA NASI, ass. al Responsabile Ufficio Attività di Controllo e Certificazione