Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina: Privacy Policy. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie.

CCPB su Starbene

CCPB su Starbene

Starbene, il mensile Mondadori dedicato alla salute e alla bellezza, ospita nel numero di gennaio 2013 (pag. 39) un articolo dal titolo Voglio usare solo cosmetici bio: "oramai gareggiano in efficacia e piacevolezza con i tradizionali: ti spieghiamo come sono quelli veramente ok”.

L'articolo, oltre a fornire alcune indicazioni su come riconoscere un cosmetico bio e come leggere un'etichetta, contiene anche un'intervista della giornalista Chiara Libero a Fabrizio Piva, amministratore delegato di CCPB. Ecco una sintesi, qui il pdf con l'articolo integrale.

Mentre per gli alimentari lo standard necessario per definirsi naturali o biologici è stato stabilito nel 1991, per i prodotti beauty non esiste nulla del genere, in teoria qualsiasi azienda potrebbe creare il proprio ente di certificazione e definire i propri prodotti naturali o bio. I controlli sono effettuati almeno una volta l'anno per verificare che gli standard siano sempre rispettati. Può accadere, per esempio, che in seguito a una riformulazione del prodotto gli ingredienti naturali o bio risultino leggermente al di sotto del minimo richiesto. Oppure si rilevano piccole tracce di pesticidi, che negli alimenti sono proibiti, nei cosmetici sono tollerati. Se l'azienda corregge il tiro, viene confermata la certificazione.